25 febbraio 2012

Tasse IMU: equità significa che gli oratori sono uguali agli ipermercati?

La vicenda del pagamento delle tasse per le superfici di proprietà della Chiesa sembra giunta ad un punto di svolta. Vorrei mettere al centro della riflessione il termine “equità”. In quest’ottica, tutti possiamo concordare che è giusto e doveroso che, come contemplato dall’art. 53 della Costituzione  «Tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva»
la contribuzione è dunque in relazione al profitto. La chiesa, come altre organizzazioni è NO PROFIT e dunque dovrebbe essere soggetta, appunto per equità, ad un particolare regime di esenzione fiscale. L'emendamento attualmente proposto prevede l’esenzione solo nel caso di impegno "esclusivamente non commerciale". Ben diversa sarebbe la situazione se non fosse prevista esenzione qualora lo spazio commerciale fosse PREVALENTE. Considero con preoccupazione tutti gli spazi di servizio di un oratorio: cortili, campi di gioco, biblioteche, aule di studio e per assemblee. Se ho ben compreso, basterebbe dunque la presenza di un semplice bancone in cui si vendono patatine per  rende commerciale tutta la superficie.
Gli oratori hanno superfici enormi perché sono destinate ad attività di interesse sociale. Nel mio oratorio il bancone è nello stesso ambiente in cui si svolgono faste e animazioni per bambini e conferenze sul territorio (ambiente, politica, beni comuni)... Dunque una superficie enorme rispetto al volume di commercio caramellesco-infantile, La sproporzione con gli spazi commerciali autentici è enorme.
Gli oratori sono tradizionalmente al servizio di tutta la comunità, generalmente non solo quella cristiana, di un territorio. Enormi spazi di gioco, assistenza, animazione, intervento sociale, educativo, civile suppliscono alle manchevolezze di uno stato che non riesce a dare attuazione a diritti costituzionali. Che un grande oratorio con il bancone per le patatine e le caramelle gommolose debba pagare le tasse come se fosse un gigantesco centro commerciale non mi sta bene. Non mi sta bene per nulla.
Equità non significa che un grande centro commerciale equivale a un centro di aggregazione e servizio umano e civile. I centri commerciali con bar operano per il profitto privato. Gli oratori sono no profit. punto.
Va innanzi tutto sfatata la fantasticheria che il bar dell'oratorio le tasse non le paghi. Forse è uno dei pochi posti in Italia dove lo scontrino viene regolarmente rilasciato.
L’aspra contesa sull’esenzione dal pagamento della tassa IMU sulle superfici di proprietà degli Enti religiosi è forse un elemento di odio indotto. Negli ultimi anni, in Italia e non solo, i governi hanno malignamente sfruttato la politica del “tutti contro tutti” per distogliere la gente dalle proprie infamie.
Volta per volta la colpa è degli operai scansafatiche, dei dipendenti pubblici lazzaroni, dei lavoratori autonomi, degli insegnanti, dei giornalisti, dei giudici, dei medici, dei notai, degli immigrati, dei preti, dei pensionati…   Se il gioco al massacro di mettere tutti contro tutti continua in questo modo, bisognerà smettere di vendere stringhe di liquirizia e ghiaccioli negli oratori, ma non sarà un passo avanti per nessuno.
Consideriamo infine la posizione di presunto privilegio concorrenziale concesso a strutture in esenzione fiscale. Gli oratori non sono locali aperti al pubblico in strada. Chi va al bar dell'oratorio deve ENTRARE in una struttura. Proprio come si fa per andare al bar di un istituto scolastico. Dunque la concorrenza con il bar accanto non la vedo proprio.
Nel mio oratorio entrano mussulmani, atei, confuciani, ebrei, animisti, protestanti, valdesi, buddisti...persino i cristiani!  :-)  ;-) . Credo che Gesù sorrida quando vede un bimbo nero, uno giallo ed uno bianco che si spartiscono le patatine davanti al bancone dell’oratorio.
Sì, lo ammetto, questa è concorrenza sleale. In oratorio siamo molto sleali con tutto il resto del mondo in cui il profitto funziona solo per godimento egoistico.
Ahhh...   il nostro bar distribuisce gratuitamente panini alla nutella e "spuma" a tutti i bambini del doposcuola pomeridiano, senza riguardo per stirpe, lingua, colore e religione.
I bar del resto della città non lo fanno.

Un momento di GRATUITA festa condivisa all'oratorio.
Carnevale della comunità: in questa foto sono rappresentate otto diverse stirpi di fratelli e sorelle.
Nessuno è in posa: negli oratori abbiamo la gioia di poter RESTARE UMANI.
Ciò non è operare per il profitto e dunque a questo sforzo di volontariato no profit, come ad altre realtà che operano gratuitamente per il bene di tutti e di ciascuno, va riconosciuto un regime fiscale diverso da quello a cui è giusto siano soggetti le vere realtà commerciali.

All'oratorio, scontrino regolare anche su banchetto volante! Quanti operatori commerciali sono altrettanto corretti? Per questo banchetto provvisorio, allestito solo per Carnevale, allora si dovrebbe pagare IMU su tutta la superficie dei cortili dell'oratorio? Lo trovo assurdo.

6 commenti:

Jasna ha detto...

E' uno dei pochi che distribuisce gratuitamente panini. Io credo che sia giusto che la chiesa contribuisca alla tassa sugli immobili... equamente. spero che nessuno pretenda che un'oratorio paghi come un centro commerciale. In molto casi glioratorisono delle macchine da guerra per far soldi. Io qui da noi non ho mai visto fare una ricevuta per i servizi che danno a pagamento... spero si trovi un punto d'incontro giusto...

educatore ha detto...

Sull'equità siamo tutti d'accordo. Il problema è che se il banco vendita, come nel mio oratorio, è un'area non fisicamente delimitabile in uno spazio grande come una grande palestra (in effetti è un salone riunioni), risulta difficile quantificare. Se l'IMU fosse stabilita sull'area effettiva "commerciale" (ed anche su questo termine bisognerebbe chiarirsi), sarebbe per me accettabile.
Mi spiace sapere che nel tuo oratorio non si facciano scontrini e non si rilascino ricevute. Qui in Santa Maria in Silva, Brescia, lo scrupoloso rispetto della legge è addirittura pignolesco. Sottrarsi al contribuire al bene di tutti, sfuggendo al fisco, non è solo un reato: in un oratorio è considerato peccato contro Dio.

Jasna ha detto...

Perchè hanno una morale. che è giusto che ci sia. io spero e mi auguro facciano delle cifre forfettarie per gli ambienti di congregazione... non credo che valuteranno la tassa in base alle metrature... farebbero prima a chiudere.

Luigina ha detto...

Voglio dire anch'io la mia, con riferimento ai commenti dell'amica Jasna. In linea di massima la penso come Gabriele sul criterio di equità con cui gli enti religiosi dovranno pagare l'IMU Penso però che ognuno a questo riguardo sia condizionato dalla propria esperienza personale.Però posso dire che anche al doposcuola dell'oratorio Don Bosco dei preti Salesiani, dove faccio volontariato, i bimbi fanno merenda gratis prima di fare i compiti con brioche o fette di torta e anche a quel bar fanno sempre lo scontrino e non credo che siano gli unici come dice Jasna

Packers Movers ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
David Shields ha detto...

good article.

Buy Essay Papers